1 febbraio 2015

Partners

Santer Reply

santer

Santer Reply è la società del gruppo Reply specializzata in servizi di consulenza e sviluppo applicativo per il mercato della Sanità e della Pubblica Amministrazione,
nata come joint venture tra il gruppo Lombardia Informatica e Reply.
In particolare si rivolge alle Aziende Sanitarie Locali, alle Aziende Ospedaliere, alle RSA,
alle Regioni e ai comuni. Per la Pubblica Amministrazione Locale,
Santer Reply propone portali per il cittadino per rendere disponibili servizi di pubblica utilità (es. centri di prenotazione) mentre per gli ambiti sanitari e
ospedalieri propone un modello federato per l’integrazione delle soluzioni applicative verticali (es. analisi delle attività produttive, telemedicina e
gestione dei processi di accoglienza dei pazienti). Inoltre, Santer Reply è dotata di una piattaforma Person to Machine (P2M) applicata in ambiti quali il Monitoraggio Comportamentale
ed Assistenziale, l’Analisi Situazionale, i Sistemi di Supporto alle Decisioni, l’Ottimizzazione di Risorse e Processi. Nell’ambito specifico della teleassistenza,
con questa piattaforma, Santer Reply favorisce il miglioramento della qualità della vita di pazienti che vivono in condizioni di isolamento sociale con il monitoraggio remoto tramite
l’analisi ambientale e comportamentale, utilizzando sensori in-house ed indossabili.


Anastasis

logo-Anastasis-Oriz

La Cooperativa Anastasis è una software house e un centro di formazione che lavora per persone con bisogni educativi speciali (BES) e disabilità. In particolare, i nostri prodotti chiave sono affermati software compensativi per la dislessia concepiti per supportare bambini e ragazzi nel  percorso scolastico (SuperQuaderno, ePico!, SuperMappe) e una suite di prodotti on-line per la riabilitazione dei disturbi dell’apprendimento (RIDInet). Le dee e la progettazione dei nostri prodotti nascono dalla stretta collaborazione fra il nostro Centro Ricerche (CRA) ed una vasta rete di partner scientifici che include università, centri di ricerca, neuropiscologi, neuropsichiatri, psicologi, logopedisti e professionisti della riabilitazione. Il nostro catalogo comprende cartelle cliniche informatizzate, un fascicolo sanitario della persona basato su ICF, software per la stimolazione cognitiva di persone in condizione di pre-fragilità e per lo screeing e la diagnosi di disturbi specifici dell’apprendimento. I nostri clienti sono bambini e famiglie, scuole e centri di formazione, ASL, ospedali, professionisti e centri di riabilitazione, associazioni di persone con disabilità.

Anastasis_descrizione


Unibo

L’Alma Mater Studiorum – Università di Bologna, in conformità con i principi della Costituzione della Repubblica Italiana e con la Magna Charta delle Università, è un’istituzione pubblica, autonoma, laica e pluralistica.

Compiti primari dell’Alma Mater Studiorum – Università di Bologna sono la ricerca e la didattica, attività inscindibili volte a perseguire un sapere critico aperto al dialogo e all’interazione tra le culture, nel rispetto delle libertà della scienza e dell’insegnamento. Per la sua secolare identità di Studio generale, l’Ateneo riconosce pari dignità e opportunità a tutte le discipline che ne garantiscono la ricchezza scientifica e formativa. L’Ateneo tutela e innova il proprio patrimonio culturale rispondendo alle diverse esigenze espresse dalla società.

Didattica

L’offerta didattica dell’università di bologna è ampia, diversificata e attenta alle esigenze della società: un patrimonio formativo distribuito tra i 33 dipartimenti e le 11 scuole. il carattere internazionale della didattica è confermato anche dal progetto alma english, unico in italia, finalizzato a garantire gratuitamente la conoscenza certificata della lingua inglese.

Ricerca

Per l’Alma Mater la ricerca è una fondamentale leva competitiva e occupazionale. L’Ateneo si distingue per la sua ricchezza di competenze e la multidisciplinarietà della ricerca. Investimenti nell’alta formazione, sostegno alla ricerca di base in ambito umanistico e scientifico, una sinergica rete di relazioni con il mondo della ricerca internazionale e delle istituzioni, un attivo impegno per lo scambio di conoscenze con il mondo delle imprese sono i pilastri su cui poggia la strategia dell’Università di Bologna.


INRCA

INRCA LOGO SCELTO

Finalità e ambiti di competenza

L’Istituto di ricovero e cura per anziani “INRCA” è un organismo di ricerca pubblico nazionale, (IRCCS), la cui mission è quella di svolgere attività di ricerca e assistenza nei confronti della popolazione anziana. L’INRCA ha pertanto come fine istituzionale, unitamente all’erogazione di prestazioni assistenziali in campo geriatrico, lo svolgimento di attività di ricerca prevalentemente traslazionale e applicata.

L’Istituto dispone di sette diverse Sedi distribuite in ambito nazionale, comprendenti Ospedali geriatrici,  un Centro di cura per malattia di Alzheimer,  una RSM-R e un Polo Scientifico tecnologico di ricerca.

L’attività dell’istituto è svolta sulla base di una organizzazione dipartimentale in cui i dipartimenti sono costituiti da unità operative assistenziali e da unità operative di ricerca (centri e laboratori di ricerca).

Attualmente, sono presenti quattro linee di ricerca:

  1. Biogerontologia: determinanti cellulari, molecolari e genetici di invecchiamento, longevità e patologie età-associate;
  2. Prevenzione e trattamento della fragilità: management delle patologie e delle sindromi geriatriche;
  3. Invecchiamento e Farmaci;
  4. Valutazione multidimensionale e continuità assistenziale.

Importante enfasi è riservata all’innovazione tecnologica, alla promozione della telemedicina e all’accettazione della tecnologia da parte degli anziani. L’INRCA è difatti impegnata in diverse attività volte allo studio dell’usabilità ed accettazione di ambienti intelligenti per il sostegno dell’indipendenza e dell’autonomia dell’anziano. Tale impegno è sostenuto a livello regionale, nazionale ed internazionale da collaborazioni con università, enti di ricerca ed aziende specializzate in tecnologie, domotica e manufatti: dalla casa informatizzata, senza barriere architettoniche, con sensori che rilevano possibili pericoli, ad elettrodomestici intelligenti e strumenti di comunicazione con interfacce facili per il loro controllo a distanza.

Tipologia di attività

L’attività di ricerca in campo geriatrico e gerontologico è stata sviluppata sia in ambito nazionale che internazionale, avvalendosi di collaborazioni con le università ed altri istituti di ricerca. L’attività di ricerca è documentata da numerose pubblicazioni su riviste indicizzate e con Impact Factor e da numerosi libri di carattere scientifico. L’Istituto organizza sistematicamente eventi di rilevanza nazionale ed internazionale ai fini della diffusione dei risultati di ricerca e partecipa a congressi e convegni con interventi,  poster, comunicazioni, etc.

L’INRCA è coordinatore-partner di molteplici progetti nazionali, di ricerche multicentriche nonché di progetti finanziati dalla Commissione Europea.

Negli ultimi anni l’INRCA ha partecipato a numerosi progetti europei, tra  i quali:

GENAGE (BMH4-CT98-3149), COPE (BMH4983374), EUROFEDA (QLK1-1999-00179), IMAGINE (QLRT-1999-02031), MOBILATE (QLK6-CT-1999-02236), ACMEPLUS (QLK6-1999-02070), NEW (QLK6-CT 2000-00139), AGEING WELL (QLK6-CT-2001-00280), EUROFAMCARE (QLRT-2001-02647), CEIL 2001-2006 (VP/2001/12 B5 803), EQUAL (QLK-CT-2001-301688), ZINCAGE (FOOD–CT-2003–506850), ABUEL (GA 2007123), EURHOMAP (GA 2006115), ASPA (GA 216289), FUTURAGE (GA 223679), SMILING (GA 215493), HAPPY AGEING (AAL-2008-1-113), JADE (GA 266422)

L’INRCA, inoltre, sta attualmente partecipando ad altri progetti di ricerca, tra cui:

UP-TECH (Ministero della Salute), ROBOT-ERA (GA 288899), WIISEL (GA 288878), AIDA (Delibera Regione Liguria n.1693 del 29/12/2011), INNOVAGE (GA 306058), CHEFMYSELF( AAL 2012), IRHOLA(GA 305831); HOME4DEM (AAL 2014) ACTIVE AGING@HOME (Bando Cluster Tecnologici MIUR).

In particolare, l’attività multidisciplinare del Polo Scientifico Tecnologico dell’INRCA riguarda i seguenti campi di ricerca scientifica nel settore geriatrico e gerontologico: ricerca di base, ricerca clinica applicata, ricerca socio-economica con particolare riguardo alla organizzazione dei servizi per anziani e allo studio e accettazione delle nuove tecnologie da parte degli anziani.


TECNOIKOS

logo_tecnoikos

Le principali attività di Tecnoikos Srl sono :

  • Ricerca nei settori dell’informatica e della telematica;
  • Progettazione e sviluppo applicazioni software, per i propri soci :
  • Software per il Trattamento Automatico della Lingua (TAL);
  • Software per il Knowledge Management;
  • software per reparti ospedalieri di Nefrologia e Dialisi;
  • software per la gestione delle Liste di Attesa Trapianti di Organi.

COOPERATIVA EDP LA TRACCIA

logo.fw

Principali attività produttive dell’azienda, collocazione sul mercato

Le principali attività della Cooperativa La Traccia sono riconducibili a:

  • Ricerca nei settori dell’informatica e della telematica;
  • Progettazione e sviluppo applicazioni software;
  • Integrazione di Sistemi
  • Gestione Servizi Informatici (ASP, Outsourcing , Hosting, Housing).

Le forniture a  clienti distribuiti su tutto il territorio nazionale e i livelli tecnologici raggiunti, hanno reso la società leader in Italia per la progettazione e la realizzazione di:

  • software per reparti ospedalieri di Nefrologia e Dialisi;
  • software per la gestione delle Liste di Attesa Trapianti di Organi;
  • software per la gestione dei Registri Sanitari Regionali;
  • software per la rilevazione Automatica delle presenze del personale;

La società ha inoltre:

  • maturato notevole esperienza nella informatizzazione di attività gestionali per Enti Pubblici (Regioni, Comuni, A.S.L.);
  • realizzato progetti basati su prodotti E.R.P. (Sistema informativo Contabile e Controllo di Gestione della Regione Basilicata);

L’Azienda è attualmente impegnata nello sviluppo di sistemi software integrati per la gestione amministrativa-sanitaria di aziende ospedaliere estendendo l’esperienza maturata sui singoli reparti.


CNR

CNRITBlogo

Il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) è l’organismo nazionale incaricato per la ricerca applicata e di base secondo le politiche dichiarate dal governo italiano, con più di 7000 dipendenti. Il CNR è organizzato in cento istituti.

L’Istituto per le Tecnologie Biomediche (ITB) è stato creato negli anni ’70 per gestire un programma di ricerca speciale con lo stesso nome, assegnando i fondi e assistendo team esterni nella realizzazione di ricerche (principalmente fornendo competenze informatiche). Svolge i propri programmi di ricerca e partecipa a progetti europei e nazionali. Coopera strettamente in materia di e-health con altri Istituti del CNR (Istituto di Analisi dei Sistemi e Informatica – IASI) e Istituto per gli Studi sulla popolazione – IRPPS). I suddetti Istituti del CNR hanno coordinato diversi programmi specifici (con progetti provenienti da CNR, Università e industria) su argomenti di sanità elettronica (Electronic Health Records, Personal Health Record, gestione delle malattie croniche, integrazione sociale e Sanitaria) e sulle relative roadmap istituzionali. ITB sta cooperando con Federsanità-ANCI nell’analisi delle buone pratiche e per lo sviluppo di un modello per misurare il livello di adozione di eHealth nelle Aziende Sanitarie.


 

MR&D

mrd generale

MR&D S.p.A., azienda leader nello sviluppo, ingegnerizzazione e produzione di prodotti innovativi per i settori Home & Building Automation, Smart Metering e wearable devices per ambito Health Care & Fitness.


 

Telbios

telbios

Telbios è la società italiana leader in telemedicina con esperienza di oltre quindici anni sul campo, mentre ATLC è leader nel campo delle moderne tecniche di telecomunicazioni. In particolare, quest’ultima ha sviluppato apparati medicali (di Classe I) per consentire la connettività di dispositivi medicali impiegabili per misure di parametri fisiologici e di controllo.
Dal 2010 fa parte di ab medica holding spa. Questo permette sinergie che determinano e impattano sulla qualità delle soluzioni proposte e sulla capacità di penetrazione commerciale e controllo della filiera industriale di Telbios.
Il totale delle risorse umane di elevata specializzazione ed esperienza dedicato nel gruppo alla telemedicina raggiunge attualmente le 80 unità. Il Centro Servizi di Telbios (CST) è il motore principale dei servizi erogati da Telbios.
Per la gestione delle cronicità Telbios, in collaborazione con i medici di medicina generale della FIMMG, ha sviluppato il servizio di presa in carico del paziente nella totalità del suo percorso di cura in modo da passare da una gestione episodica ad una gestione coordinata nel tempo.

Per la sua storia particolare Telbios è diventato uno degli interlocutori più qualificati e importanti per cogliere e risponde-re ai nuovi bisogni della sanità quali la gestione delle cronicità e le reti di specialisti nelle varie discipline mediche.

Per la capacità di intercettare i bisogni dei mondi del paziente e del medico, di interpretare le linee di evoluzione dei sistemi socio-sanitari e per la capacità di governare lo sviluppo tecno-logico, Telbios si colloca come “one stop shop” per tutte i soggetti che intendano oggi essere parte attiva nel processo di trasformazione della sanità.


 

POLITO

INVITO HON CAUS-1

Da oltre 150 anni, il Politecnico di Torino è una delle istituzioni pubbliche più prestigiose a livello italiano ed internazionale nella formazione, ricerca, trasferimento tecnologico e servizi in tutti i settori dell’Architettura e dell’Ingegneria.
Nato nel 1859 come Scuola di Applicazione per gli Ingegneri, è diventato Regio Politecnico di Torino nel 1906. Una lunga storia, che ha accreditato l’Ateneo come punto di riferimento per la formazione e la ricerca in Italia e in Europa, una Research University di livello internazionale che attrae studenti da oltre 100 Paesi e attiva circa 800 collaborazioni ogni anno con industrie, istituzioni pubbliche e private, organizzazioni locali.
Attenzione alla ricerca teorica ed applicata, conoscenza e sviluppo delle tecnologie d’avanguardia, concretezza e realismo nella gestione di un processo produttivo o nell’organizzazione di un servizio, cura della funzionalità senza trascurare il design, analisi e proposizione di soluzioni alle sfide della società d’oggi per progettare un domani sostenibile: chi si laurea al Politecnico di Torino riceve una formazione che va ben oltre il sapere tecnico. Diventa capace di gestire la natura interdisciplinare dell’attuale mondo scientifico senza dimenticarsi delle implicazioni sociali, etiche, economiche, ambientali.
Gli ottimi risultati conseguiti nella didattica e nella ricerca, le positive valutazioni degli studenti, i processi formativi di qualità e la capacità di aggiudicarsi finanziamenti nazionali ed europei hanno portato all’ottimo posizionamento del Politecnico di Torino nella valutazione realizzata dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca: da quando, nel 2010, il MIUR ha iniziato ad attribuire la quota premiale di Fondo di Finanziamento Ordinario in base ad una classifica delle performance delle Università, il Politecnico è sempre risultato il primo Ateneo d’Italia. Posizionamento confermato anche dai buoni risultati dell’Ateneo a livello europeo.


 

UNIBA

logo_uniba-a

Il Dipartimento di Emergenza e Trapianti d’Organo (DETO), Università degli Studi di Bari, è allocato presso l’Ospedale “Policlinico” di Bari ed e composto da 18 sezioni. Il DETO ha, come scopo principale, la ricerca di base, traslazionale e clinica, che è svolta in collaborazione con altre università, con l’industria farmaceutica, con la piccola e media industria in ambito biotecnologico (dispositivi, organi artificiali, protesi e tessuti). Il DETO ha firmato accordi e scambi culturali con università europee e nordamericane per realizzare programmi di ricerca finanziati da istituzioni pubbliche e private, nazionali e internazionali.
Ogni sezione del DETO si occupa di diversi aspetti degli studi scientifici, educativi e clinici della sua filiale. In particolare la Divisione di Nefrologia, Dialisi e Trapianti del DETO, diretta dal Prof. Loreto Gesualdo, copre tutti gli aspetti clinici e di ricerca relativi alla patologia renale (emodialisi, dialisi peritoneale, insufficienza renale cronica ed acuta, trapianto). Essa partecipa in 38 studi clinici che coprono diversi aspetti di Nefrologia, Dialisi e Trapianto renale. Numerosi studi clinici sono progettati e guidati da un team di medici, biologi, dietisti, clinical monitor della divisione, in aree di grande interesse come alimentazione e salute, insufficienza renale cronica, dialisi domiciliare, dialisi notturna, nefropatia diabetica, trattamenti continui in sepsi e trapianto renale.
La Divisione di Nefrologia, Dialisi e Trapianti del DETO ha esperienza pluriennale di ricerca nel campo dell’espressione genica e della biologia molecolare per lo studio ad ampio spettro della patologia renale, della malattia cardiovascolare e delle relative complicanze. Grazie alle diverse e complementari competenze del personale, sono stati prodotti diversi lavori scientifici e realizzati diversi progetti in collaborazione con Organismi Nazionali o Internazionali.


 

NOEMALIFE

Costituita a Firenze, nel 1990, Dedalus Spa oggi è a capo di un Gruppo Industriale leader internazionale nel software clinico sanitario e detiene importanti posizioni in tutti i segmenti di mercato della sanità pubblica e privata.

Recentemente, la prestigiosa società di ranking internazionale KLAS ha inserito Dedalus e Medasys al terzo posto della classifica per i nuovi progetti clinici a livello mondiale. Un risultato ed un riconoscimento straordinariamente importanti anche perché raramente assegnati a società di origine non americana.

Dal 2006 Dedalus ha avviato un progetto di aggregazione delle migliori aziende operanti nel settore dell’ICT sanitario italiano.

Dopo l’acquisizione della maggioranza di NoemaLife Spa a fine luglio 2016, ad aprile 2017 sono state completate le fusioni per incorporazione in Dedalus di nove aziende sia del gruppo Dedalus che del Gruppo NoemaLife.

Dopo solo 8 mesi dalla acquisizione di NoemaLife da parte di Dedalus è stato definitivamente completato il processo di integrazione delle due entità che ha portato alla nascita del più grande operatore nel settore degli Hospital Information System in Europa, con ricavi 2016 pari a circa 160 Ml, circa 1700 persone e con attività diretta in 25 paesi di quattro continenti.